Categorie
Uncategorized

Stampa: perdere la vita

Pubblicato il 20 ottobre 2014 da edu
Questo è il primo articolo di una serie sui 200.000 catalani che vivono malati con sindromi da sensibilità centrale (SSC), patologie come l’encefalomielite mialgica / sindrome da affaticamento cronico (SM / CFS), la sensibilità chimica multipla (MQ) o la fibromialgia, malattie riconosciute in Spagna e classificato in tutto il mondo per decenni. La maggior parte di questi pazienti ha due SSC contemporaneamente, malattie che alterano il sistema immunitario, endocrinologico e neurologico. Gli studi dimostrano che fino all’80% delle persone colpite sono disabili per svolgere le normali attività. Non hanno accesso alla salute pubblica perché o non ci sono specialisti in queste malattie nella loro regione (per la MQ non ce ne sono in Catalogna) o, quando ci sono, le liste di attesa sono due anni e se ottengono l’accesso a uno specialista , le analisi e i trattamenti già disponibili non vengono effettuati (secondo i pochi specialisti, per motivi di costo). I pochi pazienti con SSC che hanno un reddito, o membri della famiglia con un reddito sufficiente, vanno all’assistenza sanitaria privata pagando tra 6.000 e 9.000 euro all’anno.

Sebbene nel 2008 il parlamento della Catalogna abbia votato all’unanimità per la risoluzione 203 / VIII, in base alla quale l’assistenza sanitaria sarebbe fornita ai pazienti con SSC e a qualsiasi altro paziente (compresi i pediatri per i bambini con queste malattie), non è stata rispettata.

La maggior parte dei malati vive incustodita, isolata, in precarietà e disattenzione. Forgotten

Leggi l’intero articolo qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *